RSS

Archivi tag: salute

…. lo scudo …… la farfalla ….. la libertà …… la Salute …

farfalla

Quando esprimi le tue idee,

Quando  pratichi la giustizia,

Quando esprimi la tua  creatività,

Quando cogli il paradosso, 

Quando tutto questo ti accade ……

 

………  sei un uomo LIBERO

 

hai compreso i valori veri della tua vita ed  hai superato l’ostacolo del dualismo …..

la dicotomia tra mente e corpo che più di tutto genera  

 

malessere, infelicità e malattia

 

dare ascolto al  saggio maestro interiore … è una delle qualità  dell’uomo che lo rende capace di capire 

Se Stesso

ed essere in grado di comunicare all’altro la verità amabile dell’animo  

 

tutto questo favorisce la Salute della  tua tiroide !

come ?

fondamentale, uno stile alimentare adeguato, 

 una purificazione  interiore che  mette    ordine all’interno del tuo

 

liberandoti da condizionamenti ambientali,

cogliendo il valore reale delle cose intorno a te;

liberandoti della paura del giudizio degli altri  

 sentendoti  all’ altezza in ogni situazione……

 

La tiroide  dal greco thyreos,

vuol dire ” a forma di scudo”  si trova alla base del collo e  rappresenta la zona

di unione tra corpo e mente

 

 il suo ruolo metabolico può essere allegoricamente raccontato in questo modo

 “ la materia (cibo) viene qui bruciata,  arsa e trasformata in nutrimento e scarto  (fasi metaboliche ) “

detto invece in termini biochimici:

Numerose, quanto preziose sono le funzioni che la tiroide può svolgere grazie alla produzione di ormoni specifici,  ovvero  la tiroxina o T4 e la triodotironina o T3.

Questi ormoni contenenti iodio, attraverso il sangue, raggiungo tutti gli organi del corpo,  dando gli impulsi fondamentali all’ organismo:

 gli comunicano quanto velocemente lavorare,

come utilizzare l’energia

e altro 

 

Detta ghiandola può avere un dis-equilibrio delle sue funzioni determinando

un iper-funzionamento , ( ipertiroidismo)

o

un ipo-funzionamento ( ipotiroidismo)

 

Considerando entrambi i linguaggi,

quello del  corpo (materia) e dell’anima ( energia sottile)

posso tranquillamente affermare,  senza per questo cadere in errore,  che l’ipotiroidismo o l’ipertiroidismo  possono insorgere quando 

una persona 

sente che la vita che sta vivendo è ingiusta

sente di doversi reprimere

quando  prevale la razionalità rispetto alle aspettative del cuore,  

quando non c’è l’ascolto chiaro del proprio sé,

quando ci diciamo quello che è giusto o sbagliato invece del parlar chiaro a noi stessi senza mettere da parte i nostri bisogni reali.

Solo quando  impariamo ad esprimerci liberamente ,

ad ascoltarci liberamente,

non rischiamo di indebolire la preziosa funzione della  tiroide…..

centro energetico che collega

la volontà alla capacità di prendere decisioni  ed esprimere i propri bisogni

di  creare la propria vita secondo le proprie esigenze ed i propri desideri, dandosi  la possibilità di evolversi  come anime.

La patologia tiroidea nasconde la voglia di dare ascolto

 

alle proprie esigenze e bisogni.

 

 Alla  ghiandola tiroidea spetta il compito di mediare tra i processi  psichici e quelli somatici, di conseguenza nell’ipotiroidismo il corpo prende il sopravvento fino ad annullare

le “capacità psichiche”,

mentre nell’ ipertiroidismo  si ha il dominio della coscienza. 

RF

………  continua

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 giugno 2016 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

….. sceglierò il cibo giusto che mi proteggerà da queste insidie !

fragola.png

Perché è indispensabile mangiare cibo di qualità, e  con caratteristiche giuste?

 

Dove per qualità s’intende alimento scevro da :

ormoni e antibiotici somministrati al bestiame negli allevamenti intensivi,

pesticidi ed erbicidi sui raccolti nei campi, contaminanti di origine industriale, tra cui

piombo ,

cadmio,

mercurio,

arsenico ecc… ,

ed infine anche gli inquinanti ambientali, e di origine geologica.

Invece,  per caratteristiche giuste intendo che  quel determinato alimento   sia adeguato allo stato di salute ed esigenze della  persona.

           

Soffermiamoci a pensare per poi  prendere una decisione

 

                  ….. sceglierò il cibo giusto che mi  proteggerà da queste insidie!

 

Mangiare  sano equivale anche   a mangiare con gusto e  non rinunciare ad una serata in pizzeria con gli amici

                   Considerare il cibo come medicina fa parte della pratica

millenaria dell’umanità,

 

ci sono culture che introducono costantemente minestre medicate nelle proprie diete, fino a qualche secolo fa anche nella nostra cultura questa pratica era in uso.

l’industrializzazione della medicina ha favorito il disuso di queste pratiche , definendole  

 

“pratiche del brodino caldo” .

 La medicina epigenetica, conferma che  i nostri geni e la nostra salute  sono fortemente influenzate 

 

 dall’alimentazione,

 

ed è per questo che, una alimentazione  Salutogenica risulta necessaria per liberarci da questi micidiali nemici attraverso i  grandi difensori che la  Natura  ci ha messo a disposizione.

Le vitamine C ed E,

i carotenoidi  e i flavonoidi ,

i minerali come ad esempio il

selenio

e antiossidanti come il Coenzima Q10 o ubichinone ,

 

tutte queste armi le troviamo solo ed esclusivamente nel cibo derivante da filiera corta e da coltivazioni secondo leggi della natura tutto questo ovviamente è insito 

nell’ alimentazione salutogenica.

 

 Tale alimentazione  si distingue dalle altre pratiche salutistiche in quanto 

 

segue la natura insita nell’uomo invece che le mode del momento, 

osserva le predisposizioni del singolo individuo,

le costituzioni secondo le indicazioni ippocratiche

è accanto alla persona  nel sostenerla anziché  stressarla con regole rigide che risultano sempre infruttifere.

ed l’unica che allo stesso tempo  

Riequilibra  

Nutre

con un unico effetto collaterale

 

Guarisce

 

Medicus curat, natura sanat,

 il medico cura, la natura guarisce.

La saggezza latina  vuole intendere che la scienza medica è subalterna al corso naturale della malattia e del tempo.

 

Ora prendiamo in esame i flavonoidi, essi sono in grado di espellere molto velocemente dalla cellula alcune sostanze tossiche,  il loro effetto è

 

“chelante , ovvero raccoglie tutto ciò che nuoce alle nostre cellule”.

 

I flavonoidi come i carotenoidi  e la clorofilla, sono responsabili del colore della frutta e della verdura, le cui molecole sono attive nei confronti di un’ampia varietà di ossidanti e radicali liberi.

Gran parte dell’attività medicinale di alimenti, pollini e resine quale la propoli è correlata al contenuto di flavonoidi.

Le proprietà terapeutiche  dei flavonoidi sono ormai note da tempo, infatti investono il ruolo di   

antiaggregante piastrinico,

antinfiammatorio,

antiallergico,

antivirale,

antitumorale,

antiepatossico,

ed infine da non sottovalutare il potere di stimolare le funzioni cognitive.

Questi pigmenti rappresentano una nuova classe di farmaci naturali, utili per alleviare  diversi disturbi, contrastando efficacemente il danno da radicali liberi

  Ci sono molte varietà di flavonoidi circa 4000, ne cito alcuni:

apigenina,

isoquercitrina,

luteolina,

rutina, 

catechine,

vitexina……

alimenti diversi forniscono flavonoidi diversi, per esempio i flavonoidi responsabili

del colore dei mirtilli,

delle ciliege,

dell’uva,

e di molte piante curative,

tra cui la rosa canina,

il lampone,

la viola tricolor,

vite rossa,

l’ippocastano

il ginko biloba ecc,

sono le antocianine e le proantocianidine, le quali conferiscono alla pianta le tonalità che vanno dal rosso fragola al blu. 

Questi flavonoidi stimolano l’attività della vitamina p, che è presente sempre insieme alla vitamina C,

una loro carenza è la causa della permeabilità e rottura di capillari, hanno il pregio  di stabilire le strutture articolari.

I flavonoidi hanno inoltre effetto benefico sul collagene: proteina responsabile dell’integrità del tessuto connettivo, che collega i tessuti corporei.

Molto importanti i flavonoidi delle bacche, per l’influenza sulle strutture del collagene e per la potente azione antiossidante, nella prevenzione dell’artrite e dell’indurimento delle arterie.

 

In questo periodo dell’anno dobbiamo fare scorta di questo portentoso pigmento inserendo nelle nostre colazioni , spuntini e merende porzioni adeguate di frutti di bosco freschi.

Questi ultimi contengono in abbondanza, elementi nutritivi vitali, e poche calorie.

Assumendone il succo facciamo scorta di potassio, acqua basica, flavonoidi(antocianidine) e vitamine idrosolubili

Rosaria Fontanella

 

Ps

il presente articolo  non annulla ne sostituisce atto medico

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 Mag 2016 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

….. a marzo tutto Ri-Nasce ……..

se in questo periodo ti senti stanco, è perché il corpo è impegnato a sbocciare come anche la natura, e, al fluire di queste energie vitali, si può verificare un rallentamento delle funzioni organiche.

 

Questo è il momento !

 di eliminare le tossine che ci ha lasciato l’inverno…..

     

Anche se non si hanno disturbi specifici, in questo mese è vantaggioso adottare uno stile alimentare atto a ripristinare la funzionalità del colon e ad equilibrare la flora batterica.

     

 Anche l’umore, ne trarrà beneficio poiché come sappiamo quest’ultimo risente dello stato di salute dell’intestino, poiché la loro relazione è bidirezionale

 

l’uno influenza l’altro e viceversa

 

             

Così come avviene nel regno vegetale, ovvero la risalita della linfa, al fine di permettere che i germogli spuntino,

 

cosi

                   

nel nostro organismo in modo quasi simile c’è il risveglio di un’energia ancestrale procuratrice

 

                              di Vita e Salute !!!

 

Prepariamoci ad accoglierla e permetterle di fluire

 

 COME?

 

E’ consigliabile mangiare cibi ricchi di inulina  

(è un tipo  di fibra solubile con proprietà prebiotica).

 

Fra le proprietà che vengono attribuite all’inulina ci sono sia quella di facilitare la digestione sia quella di ridurre il gas intestinale;

 

        questa fibra aumenta la densità di bifidobatteri a discapito dei batteri nocivi.

 

Per cui via  libera a carciofi, mangiati tanto crudi quanto cotti  oltre che salutari sono anche buonissimi, il privilegio della presenza dei carciofi nella nostra alimentazione è enorme.

 

Avremo beneficio anche nel consumare  cibi ricchi di antiossidanti, poiché garantiscono l’eliminazione               dei radicali liberi,

 

tra cui

– spezie

curcuma,

coriandolo ,

zafferano;

 

 – verdure

 spinaci,

bietole,

ravanelli,

 rucola,

cicorie

 evitando 

 carne,

formaggi,

zucchero

farine bianche,

e tutti quei cibi processati dalle industrie alimentari, privati  delle  proprietà necessarie al nostro benessere.

 

….concludo con questo brano molto significativo, leggilo accuratamente … 

       La malattia è un conflitto tra la personalità e l’anima.

Molte volte,  il raffreddore “cola” quando il corpo non piange.

Il dolore di gola “tampona” quando non è possibile comunicarele  afflizioni.

Lo stomaco “arde” quando le rabbie non riescono ad uscire.

Il diabete “invade” quando la solitudine duole.

Il corpo “ingrassa” quando l’insoddisfazione stringe.

Il mal di testa “deprime” quando i dubbi aumentano.

Il cuore “allenta” quando il senso della vita sembra finire.

Il petto “stringe” quando l’orgoglio schiavizza.

La pressione “sale” quando la paura imprigiona.

La nevrosi “paralizza” quando il bambino interno tiranneggia.

La febbre “scalda” quando le difese sfruttano le frontiere dell’immunità.

Le ginocchia “dolgono” quando il tuo orgoglio non si piega.

Il cancro “ammazza” quando ti stanchi di vivere.  

La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino.

A. JODOROWSKY

 

                                                                                               R.F.

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 marzo 2016 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Ravanello ti fa bella :)

 

ra

 

 

è stato forse uno dei primi ortaggi coltivati dall’uomo

già 4000 anni fa

gli antichi egizi e babilonesi lo angiavano insieme all’aglio

e per i greci e romani era un ottimo rimedio per

calmare la tosse,

come digestivo

 un aiuto per il sonno.

Diverse sono le forme ed i suoi colori, infatti possono essere :

rossi o bianchi,

oblunghi o tondeggianti, 

dolci o piccanti

 “Candela di fuoco”

  rosso e allungato

voglio aggiungere un importante note a riguardo 

il colore è  dato da specifiche sostanze dette phytochymichals che hanno particolari funzioni nel nostro organismo

Il  rosso è il colore  della forza,

antidepressivo,

 stimolante,

usato  a beneficio dell’apparato respiratorio.

La frutta e la verdura rossa sono ricche

di Licopene e di antocianine

che prevengono

le malattie cardiovascolari,

limitano lo sviluppo di tumori

(è dimostrata l’azione specifica protettiva del Licopene sulla crescita del tumore alla prostata) 

stimolano le difese immunitarie

ed i processi di guarigione della pelle.

Il colore rosso

stimola il metabolismo,

riattiva tutte le funzioni dell’ultimo tratto dell’intestino facilitando l’eliminazione delle scorie

e porta una ventata di energia alle ghiandole surrenali e al sistema nervoso autonomo.

Per questo i cibi rossi accelerano il sistema linfatico, la seconda via d’uscita delle scorie, dopo l’intestino.

Gli alimenti rossi sono anche depurativi e, grazie al loro alto contenuto di potassio, rinnovano le energie vitali.   

 

 “Candela di ghiaccio”

allungato ma bianco,

Non si sbuccia, ha la polpa croccante e il suo sapore  piccante deriva dall’ olio essenziale concentrato sulla superficie.

In botanica,

il ravanello (o rapanello) è conosciuto come 

Raphanus sativus L.

appartiene alla famiglia delle Brassicaceae (o Crucifere), la stessa famiglia di cui fanno parte i cavoli i broccoli e la rucola

Il suo apporto di  calorie è davvero minimo ed è per questo che risulta perfetto per la cucina Salutogenica  :

11 kcal per 100 gr

basti pensare che per il 95% è composto di acqua, in più è ricco di

vitamine del gruppo A e

acido ascorbico (vitamina C)

sali minerali

 di zolfo,

potassio,

sodio,

calcio,

fosforo 

non è un caso che gli antichi lo considerassero  un alimento medicina

La sua presenza nella nostra alimentazione

contrasta la crescita di batteri,

aumenta la diuresi,

un toccasana per la salute del fegato,

risulta un ottimo rimedio  nelle affezioni bronchiali e  placa la tosse.

Se lo mangiamo intero, radici e foglie,  in pinzimonio, in insalata con altre verdure, prima di un pasto funge da ottimo aperitivo. 

 

 Il centrifugato:

in caso di tosse e in presenza di catarro, un bicchierino del suo succo al giorno, emulsionato con un cucchiaino di miele e il succo di mezzo limone, aiuta a fluidificare le secrezioni, e se  bevuto prima dei pasti, è un toccasana per prevenire i calcoli alla cistifellea, e aiuta il fegato a liberare l’organismo  dalle tossine.

Insomma, i ravanelli sono belli da usare per guarnire i piatti oltre che insalata su possono gustare con  i formaggi, conservare sott’olio o sott’aceto e invece cotti sono ottimi nelle frittate o nelle minestre. 
 
In cosmesi

ottima la maschera astringente per pelli grasse e per attenuare le macchie solari dopo la tintarella.

Maschera per la pelle grassa

1 cucchiaio di ravanello e  mescolato con 1 tuorlo d’uovo sbattuto.

Dopo 20 minuti, rimuovere con un batuffolo di cotone imbevuto di tè verde.

Dopo 5-10 minuti, lavare con acqua fredda.

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 11 febbraio 2016 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non tutto fa bene a tutti

 

Il pane al carbone vegetale è tra i  food trend del momento , presente sulle tavole di molti italiani convinti di dare un beneficio al proprio apparato gastro enterico. 

Il carbone vegetale, detto anche carbone attivo, è ottenuto dalla combustione senza fiamma del pioppo, del salice o  della betulla.

Viene trattato in modo da rendergli la caratteristica porosità che gli dà il potere

adsorbente

ovvero assorbe i gas derivanti dalla putrefazione dei cibi non digeriti, grazie alla presenza di un innumerevole quantità di pori, ed è per questo che risulta essere efficace  nei disturbi  gastro-enterici, come ad esempio  aerofagia, coliti, fermentazioni intestinali, gastriti ecc.

Gli studi sull’interazione farmaco  ed integrazione alimentare/cibo mostrano chiaramente come il carbone è contraindicato quando si assumano i farmaci, come del resto vale anche per il glucomannano o la malva.

  Una volta ingerito, il carbone vegetale ha la capacità di legare qualsiasi cosa transiti lungo il canale digerente, portando via gas,virus, batteri, ma anche sostanze nutritive, e farmacologiche.

 Non si sa con certezza quanti grammi di carbone viene usato nella panificazione pro-chilo di farina, qualche panificatore ha ammesso di utilizzare una miscela di farina con presenza di dieci grammi  di carbone per ogni kg di farina, sommando le quantità di pane, pizza, crakers, che si consumano nell’arco della giornata, facilmente si supera la quantità integrazionale consigliata  che è di 1-2 grammi  (2-3 caps),  questo  potrebbe creare spiacevoli effetti sulla salute.

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29 gennaio 2016 in Blog

 

Tag: , , , , , ,